Servizi per il collezionista 3 (prima parte)

LA COMPAGNIA DELLA FORCA di Magnus e Giovanni Romanini

L’idea per la serie nacque durante una conversazione fra Magnus e Romanini mentre i due erano in treno per una delle trasferte che periodicamente compivano fra Milano e Bologna alla fine del 1975 quando collaboravano stabilmente con la Edifumetto di Renzo Barbieri. Escono da aprile 1977 per la GEIS di Barbieri 18 volumetti tascabili (formato Diabolik, per intenderci) più un volume doppio finale che conclude la storia nel 1979, senza aver raggiunto l’obiettivo finale dei 24 numeri e con grande acrobazia di Magnus per chiudere le decine di sottotrame narrative intrecciate dell’opera che, vale la pena ricordarlo, è  unica ed un vero capolavoro, difficile da catalogare tra avventura e umorismo, storico e fantasy. Magnus scrive e fa le matite, Romanini inchiostra tutta la serie tranne le copertine e un solo episodio, “Il trullo dei sette savi” (forse il più bello), che è evidentemente inchiostrato dallo stesso Magnus.

La prima edizione Geis, 19 numeri 1977/79:

Primi 12 numeri con copertina nera, ultimi 7 con copertina bianca.

Si trova, senza gadgets, a 300 euro circa (con gli adesivi può arrivare a 500), ma il pezzo rarissimo è il n°19, “La resa dei conti”.

Il numero 7: “Il trullo dei sette savi”:

In alcuni numeri sono allegati:

. adesivi; (a fustella rotonda, molto curati, con i personaggi della serie); (una curiosità: il personaggio di Bertrando il menestrello è la caricatura dello stesso Giovanni Romanini)

. in un numero in particolare è allegata la rara cartolina con la zingara e l’orso (in bianco e nero nella foto);

. ma soprattutto il raro poster su cartoncino;

e a giudicare da questa locandina da edicola, c’era anche la possibilità di farsi inviare un altro poster, AUTOGRAFATO:

ed ecco il secondo poster:

anche se la firma NON SEMBRA quella originale di Magnus…


La rivista di critica WOW, di Luigi F.Bona, dedica una copertina alla Compagnia, nel 1976, con un disegno inedito

 


Prima ristampa, dal 1986 al 1995, Alessandro Distribuzioni

Ogni albo brossurato di grande formato contiene due degli episodi originali

Le bellissime copertine sono inedite e di Magnus

Inutile dire che il rimontaggio a 8 vignette per pagina (per rendere il prodotto più da libreria che da edicola) nuoce particolarmente alla sceneggiatura (perfetta) di Magnus. Stesso errore commesso con diverse edizioni de “Lo Sconosciuto” prima serie tascabile.

Ma le copertine sono un plus valore che forse compensa. Alessandro produce anche:

  • dei poster (che non sono altro che l’immagine della copertina con le bandelle aperte, ma stampati a rovescio); dovrebbero essere 4;
  • delle cartoline (che sono stampate con gli stessi impianti dei poster, “selezionandone” dei frammenti);
  • dei segnalibri (con sul retro liste di pubblicazioni dell’editore, con immagini estratte dalle copertine, ma con il logo dell’editore che cambia, segnalando che si tratta di due tirature in momenti diversi); dovrebbero essere 4;