Category Archives: Vi consigliamo di leggere

sul blog Freereader56 si parla di Jiro Taniguchi

https://freereader56.blogspot.it/2017/10/gourmet.html

Il blog di Daniele, per sapere cosa leggere e perchè, anche fumetti a volte…

gourmet-2

Buon compleanno a Jim Starlin!

da Wikipedia: James Patrick Starlin, detto Jim (Detroit, 9 ottobre 1949), è un fumettista e scrittore statunitense, noto per il suo lavoro come sceneggiatore e disegnatore presso la Marvel Comics di storie di genere “cosmico” e space opera, per il suo rilancio di personaggi come Capitan Marvel e Adam Warlock, nonché per la creazione di Thanos, Dreadstar (quest’ultimo sotto l’etichetta Epic Comics) e la co-creazione di Shang-Chi.

Per noi soprattutto è l’autore de: “La morte di Capitan Marvel”!starlin-4

starlin-1

starlin-2

starlin-3

Il 6 ottobre 1962 fa la sua prima apparizione sulla rivista inglese Valiant L’ARTIGLIO D’ACCIAIO

steel-claw-1

Creato dallo scrittore Tom Tully e disegnato da Jesus Blasco (che in anni più recenti fu anche disegnatore di Tex), Steel Claw è stato pubblicato in Italia come L’Artiglio d’Acciaio, sia in due collane di tascabili con questo titolo sia su alcune riviste.

steel_claw_2

steel-claw-3

Roba fresca in biblioteca, contro il caldo!

img_6325

Il notevole saggio di Nicky Wright sui primi anni dei comic books americani, in inglese naturalmente.

img_6326

Imperdibile Darwin Cooke su PARKER, il personaggio del mito Richard Stark (uno degli pseudonimi del grande giallista Donald e. Westlake). Era già uscito per BD, ma la Cosmo lo farà leggere a molte più persone!

img_6327

Ertè, un maestro dell’art decò. Volume completissimo immagini grandi bella stampa, in tedesco.

img_6328

Le illustrazioni di Silvio Cadelo sono formidabili. Lo cercavamo da anni.

img_6329

Una storia a fumetti di Jali (Jose Angel Labari Ilundain); edizioni Logos

img_6330

Il bellissimo libro di Gerard Jones, vincitore dell’Eisner Award, sulla nascita del comic book americano (ma qualcuno lo tradurrà in italiano?)

img_6332

E.O. Plauen, vero nome Erich Ohser (Untergettengrün, 18 marzo 1903 – Berlino, 6 aprile 1944), è stato un disegnatore e fumettista tedesco, impiccatosi in una prigione della Gestapo nel 1944.

img_6333

Bel libro di Otto Nagel sul formidabile disegnatore Zille, in tedesco.

img_6337

Fotoromanzi del Santo “El emmascarado de plata”, Messico anni ’70, in spagnolo.

img_6338

Collana discutibile di libri condensati, ma con illustratori americani di tutto rispetto.

img_6339

img_6340

unastoria di Gipi

Concreto, come il cemento, o come qualcosa di vero: mutuabilità del significato realistico e concettuale. Le parole di Gipi sono concrete, essudano realtà ma poi anche immaginazione. Le visioni che tormentano il protagonista di unastoria non possono essere sganciate da una esperienza reale, tormentata e vissuta. Come la mutevolezza delle lacrime che possono essere di gioia o no: “No. Va bene, in realtà pensavo alle lacrime di dolore. Perdonami. Ho mentito. O meglio, no. Non

In occasione della Giornata Mondiale dell’Alzheimer(21 settembre) consigliamo di leggere: RUGHE di Paco Roca

Un graphic novel dal tocco ironico e delicato, che racconta attraverso gli occhi di due amici, Emilio e Miguel, la difficoltà di convivere con l’Alzheimer. Il fumetto, scritto e disegnato dallo spagnolo Paco Roca, è considerato un capolavoro nel suo genere per l’originalità di raccontare una tematica così seria e drammatica attraverso la leggerezza del tocco grafico. Ambientato all’interno di una residenza per anziani, il libro è il racconto di un’amicizia: quando Emilio nella fase iniziale della

SINBAD: AVVENTURA E MAGIA

SinBad il marinaio è un trafficante di oggetti magici, ne possiede di incredibili ma dovrà usarli per scoprire il mistero delle proprie origini. Così, tra rocamboleschi furti e fughe mozzafiato, scorrono veloci tra le dita le pagine del nuovo volume della collana LineaChiara dell’editrice RW Lion. La narrazione è sincopata, le astuzie e gli stratagemmi di SinBad forniscono al racconto continui colpi di scena, l’epilogo è misuratamente dolce: cosa si può chiedere di più ad un fumetto d’avventura? Lo sceneggiatore Arleston si diverte, e ci diverte, con la presenza continua di contrattazioni e mediazioni, tipica della cultura araba. I disegni di Pierre Alary, uno dei più interessanti autori fra

È deciso: si muore! La vita tristissima di Gauguin

Ho sempre pensato che Paul Gauguin, il pittore vissuto alla fine dell’Ottocento, avesse condotto una vita esemplare. Una vita di arte, bellezza, amori passionali, donne esotiche. Luoghi comuni.

Marcello Jori è un artista che parla di un artista, i suoi acquerelli sgargianti raccontano il dolore in olio su tela e gli acquerelli di lacrime su carta di Gauguin, il “campione assoluto (…) di strazio senza urla”, l’artista più abbandonato di tutti i tempi. Una Predicazione per chiedere scusa ad un genio la cui dignità è stata calpestata, un richiamo alla Giustizia dell’Arte per infliggere pene a coloro che non credono negli artisti e ne uccidono i sogni: non pene pecuniarie perché “certi delitti contro il talento si aggiustano solo con l’affetto postumo (…) E’ la stima, il balsamo definitivo per le piaghe di un artista errante senza pace”.

Asterios Polyp: il riscatto dei sentimenti

“Sai, l’errore della gente è che di solito guarda le cose sbagliate”

Asterios Polyp è uno di quei fumetti in cui concezione grafica, fisionomia dei personaggi, costruzione fumettistica si fondono così tanto al contenuto, che la trama e il senso degli eventi vengono stratificati anche a livello estetico. La storia è quella di un brillante architetto che nel giorno

In occasione di Umbria Jazz 2015 la Biblioteca consiglia: la storia (quasi vera) della vita di Barney Wilen e la blue note

“Boris ha la nausea. Si sporge dalla balaustra per riempirsi i polmoni di aria salmastra. L’idea è buona, ma il mare è troppo lontano: respira solo l’odore sciapo e dolciastro delle magnolie, macchie più chiare nell’ombra appena sotto di lui. Allora ci vomita sopra, mentre una sigaretta dimenticata gli brucia crudelmente le dita. L’orchestra suona “Besame mucho” in stile afrocubano. È una di quelle notti, e sta per finire”. È, questo, invece, l’inizio di Barney e la Blue Note, di Loustal che illustra e colora le suadenti parole di Paringaux: “Getta il fazzoletto, accende una sigaretta per togliersi l’amaro di bocca e porta il suo malessere – besame muuucho – a passeggiare tra le statue”.