Category Archives: Vi consigliamo di leggere

unastoria di Gipi

gipi-5-640

Concreto, come il cemento, o come qualcosa di vero: mutuabilità del significato realistico e concettuale. Le parole di Gipi sono concrete, essudano realtà ma poi anche immaginazione. Le visioni che tormentano il protagonista di unastoria non possono essere sganciate da una esperienza reale, tormentata e vissuta. Come la mutevolezza delle lacrime che possono essere di gioia o no: “No. Va bene, in realtà pensavo alle lacrime di dolore. Perdonami. Ho mentito. O meglio, no. Non

In occasione della Giornata Mondiale dell’Alzheimer(21 settembre) consigliamo di leggere: RUGHE di Paco Roca

1270568820-rughe_cali

Un graphic novel dal tocco ironico e delicato, che racconta attraverso gli occhi di due amici, Emilio e Miguel, la difficoltà di convivere con l’Alzheimer. Il fumetto, scritto e disegnato dallo spagnolo Paco Roca, è considerato un capolavoro nel suo genere per l’originalità di raccontare una tematica così seria e drammatica attraverso la leggerezza del tocco grafico. Ambientato all’interno di una residenza per anziani, il libro è il racconto di un’amicizia: quando Emilio nella fase iniziale della

SINBAD: AVVENTURA E MAGIA

alary_sindbad_t3_cvr1

SinBad il marinaio è un trafficante di oggetti magici, ne possiede di incredibili ma dovrà usarli per scoprire il mistero delle proprie origini. Così, tra rocamboleschi furti e fughe mozzafiato, scorrono veloci tra le dita le pagine del nuovo volume della collana LineaChiara dell’editrice RW Lion. La narrazione è sincopata, le astuzie e gli stratagemmi di SinBad forniscono al racconto continui colpi di scena, l’epilogo è misuratamente dolce: cosa si può chiedere di più ad un fumetto d’avventura? Lo sceneggiatore Arleston si diverte, e ci diverte, con la presenza continua di contrattazioni e mediazioni, tipica della cultura araba. I disegni di Pierre Alary, uno dei più interessanti autori fra

È deciso: si muore! La vita tristissima di Gauguin

Il dolore nell'arte

Ho sempre pensato che Paul Gauguin, il pittore vissuto alla fine dell’Ottocento, avesse condotto una vita esemplare. Una vita di arte, bellezza, amori passionali, donne esotiche. Luoghi comuni.

Marcello Jori è un artista che parla di un artista, i suoi acquerelli sgargianti raccontano il dolore in olio su tela e gli acquerelli di lacrime su carta di Gauguin, il “campione assoluto (…) di strazio senza urla”, l’artista più abbandonato di tutti i tempi. Una Predicazione per chiedere scusa ad un genio la cui dignità è stata calpestata, un richiamo alla Giustizia dell’Arte per infliggere pene a coloro che non credono negli artisti e ne uccidono i sogni: non pene pecuniarie perché “certi delitti contro il talento si aggiustano solo con l’affetto postumo (…) E’ la stima, il balsamo definitivo per le piaghe di un artista errante senza pace”.

Asterios Polyp: il riscatto dei sentimenti

l.php

“Sai, l’errore della gente è che di solito guarda le cose sbagliate”

Asterios Polyp è uno di quei fumetti in cui concezione grafica, fisionomia dei personaggi, costruzione fumettistica si fondono così tanto al contenuto, che la trama e il senso degli eventi vengono stratificati anche a livello estetico. La storia è quella di un brillante architetto che nel giorno

In occasione di Umbria Jazz 2015 la Biblioteca consiglia: la storia (quasi vera) della vita di Barney Wilen e la blue note

Barney

“Boris ha la nausea. Si sporge dalla balaustra per riempirsi i polmoni di aria salmastra. L’idea è buona, ma il mare è troppo lontano: respira solo l’odore sciapo e dolciastro delle magnolie, macchie più chiare nell’ombra appena sotto di lui. Allora ci vomita sopra, mentre una sigaretta dimenticata gli brucia crudelmente le dita. L’orchestra suona “Besame mucho” in stile afrocubano. È una di quelle notti, e sta per finire”. È, questo, invece, l’inizio di Barney e la Blue Note, di Loustal che illustra e colora le suadenti parole di Paringaux: “Getta il fazzoletto, accende una sigaretta per togliersi l’amaro di bocca e porta il suo malessere – besame muuucho – a passeggiare tra le statue”.

MORT CINDER

consigli mort cinder immag 3

“Ma il passato è morto come crediamo?” Un anziano antiquario compra oggetti del passato, ed il suo strano amico li riconosce, seppure antichissimi, per averli già avuti tra le mani durante la sua incredibile vita, perché egli è immortale. Può sembrare banale, ma nelle storie rievocate da Mort (così si chiama l’uomo eterno) siano esse risalenti alla costruzione della Torre di Babele, alla battaglia delle Termopili, alla tratta degli schiavi neri dall’Africa o alla prima guerra mondiale, c’è tutta l’umanità ed il suo dramma, illuminata dall’imperitura presenza di questo testimone profondamente umano, il corpo inossidabile al tempo ma che il tempo stesso ha dotato di una s

CRAIG THOMPSON – BLANKETS

blankets-craig-thompson-graphic-novel-award-winning-quilt-raina

Blankets di Craig Thompson è quello che si potrebbe definire romanzo di formazione nella versione di una graphic novel. Il protagonista della storia è infatti presentato, nel corso delle quasi 600 pagine, dall’infanzia fino alla maturità sessuale, arrivando all’età adulta. Un cambiamento che riguarderà non solo il suo corpo quanto la considerazione che egli avrà del mondo. Ciò che gli accadrà lentamente lo porterà a mettere in discussione la propria educazione culturale sfoltendo, pagina per pagina, quel denso, folto e appiccicoso sostrato religioso che lo incatena e non lo fa vivere come vorrebbe.

Ambientato durante gli anni ’90 statunitensi, periodo di ascesa del grunge e dei Nirvana, Craig nasce in una famiglia cristiana fondamentalista e frequenta una scuola cattolica. L’integralismo delle persone che gravitano intorno a lui non è però privo di incoerenza. Il